I primi giorni

Come in un sogno, mi sono ritrovata in un vortice di colori, suoni e emozioni nuove. L'impatto con Berlino è stato questo: un mondo nuovo. I primi giorni ve li racconto qui con qualche foto.

Appena arrivata con l'aereo. Cosa mi aspetta? Che si fa ora? Questo pensavo. Completamente spaesata, curiosa ed emozionata.  Un secondo e tac, la mia esperienza inizia, il giorno arriva. E io davvero non sapevo cosa aspettarmi. 

I primi giorni ho imparato a conoscere tante cose. Ho imparato che il meteo a Berlino è come un ubriaco, non sai mica cosa aspettarti, pioggia, sole, vento si alternano in pochi minuti. Ho imparato ad usare i mezzi, come si vede dalla foto. Si, con un pò di difficoltà, lo ammetto. Non vi dico la quantità di volte che ho sbagliato direzione, altrimenti mi prendereste per pazza.

Durante i primi giorni ho conosciuto tantissimi exchange come me. Italiani, Svizzeri, Brasiliani, Spagnoli, Francesi, tutti con le stesse emozioni. Tutti al blocco di partenza. L'arbitro spara e noi iniziamo la nostra corsa, tutti insieme nella stessa pista, ma in diverse corsie, ognuno con la sua esperienza.

Di notte abbiamo scoperto una Berlino rumorosa, viva, colorata. Jovanotti in una delle sue canzoni dice:

"di notte le parole scorrono più lente
però é molto più facile parlare con la gente,
conoscere le storie, ognuna originale,
sapere che nel mondo nessuno é normale."

Berlino me l'ha fatto capire ancora di più.

la prima volta che ho visto Potsdamer Platz stavo ascoltando "Sultans of Swing" dei Dire Straits. Le due cose messe insieme, la bellezza della piazza e della canzone, mi hanno fatto veramente sentire viva.

Concludo qui il mio reportage, alla prossima! This is my reportage about my first days in Berlin, I hope  you'll like it! Berlin is like a magic: when you're walking in the street, you can see colors, listen music, see beautiful places.  You feel alive.